Progetto Portaparola

 

logo portaparola

       

  Archivio 2017 Archivio 2016 Archivio 2015
Archivio 2014 Archivio 2013 Archivio 2012 Archivio 2011

 

Il Progetto Portaparola ha preso avvio nel 2002 sullo slancio impresso dal convegno nazionale “Parabole madiatiche. Fare cultura nel tempo della comunicazione”, organizzato dall’Ufficio nazionale per le Comunicazioni sociali della CEI. Da allora Avvenire, il quotidiano dei cattolici, si è fatto interprete e organizzatore di questo progetto comunicativo: diffondere nelle comunità cristiane un’attenzione e una sensibilità nuove verso i mass media, all’altezza cioè del loro crescente impatto sulla coscienza della gente. Cattolici inclusi. Passaggio indispensabile per svegliare questa coscienza è la creazione in ognuna delle 26 mila parrocchie italiane di almeno un animatore della cultura e delle comunicazioni sociali: il Portaparola, da mettere in rete con gli altri nella sua diocesi.

A questo Portaparola spetta di adoperarsi per una vera e propria pastorale delle comunicazioni sociali e della cultura e di allearsi con operatori e iniziative messe a punto per risvegliare lo spirito critico dei credenti, la loro intelligenza ispirata dalla fede, la loro capacità di maturare giudizi autonomi e originali e il loro pensiero illuminato dal Vangelo più che dal pensiero mediatico corrente.

Strumenti per l’attività del Portaparola sono tutti i media cattolici: il quotidiano nazionale Avvenire, il settimanale diocesano, le riviste cattoliche, Tv e radio, locali e nazionali o anche solo la Messa domenicale, avendo coscienza che la scelta di un programma televisivo o di un giornale non è ininfluente sulla formazione della coscienza.

Un nuovo impulso ai compiti che spettano al Portaparola viene dato dal " Direttorio sulle comunicazioni sociali nella missione della Chiesa – Comunicazione e missione” – presentato nell’autunno 2004. È il testo di riferimento per il tema della pastorale della comunicazione della Chiesa italiana (al capitolo VI sono definiti il profilo e le finalità di questa nuova figura pastorale che si impegna a diffondere Avvenire e i media cattolici, sensibilizza la comunità parrocchiale sull’importanza di un uso critico dei mezzi di comunicazione sociale e sperimenta nuovi percorsi di evangelizzazione attraverso l’uso di tutti i media).

 

Anche nelle nostre parrocchie è attivo il Progetto Portaparola: alcuni giovani di buona volontà si sono messi in gioco per diffondere al meglio la cultura e la comunicazione cattolica!